Archive for 26 aprile 2013

CA’ DEL BUE E IL NUOVO PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI: IL SILENZIO DEL COMUNE DI VERONA

COMUNICATO STAMPA  di mercoledi 24 aprile 2013

condiviso tra PD M5S SEL Ass. Salute Verona Comitato CTT e Daniele Nottegar

Siamo qui per denunciare il rifiuto dell’amministrazione comunale di discutere la posizione che intende prendere sul nuovo Piano regionale dei rifiuti, recentemente adottato dalla giunta regionale e pubblicato sul bollettino ufficialedella Regione lo scorso 15 marzo.

A meno di 3 settimane dalla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni (fissato per il 15 maggio) non è dato sapere se il Comune di Verona stia preparando le proprie osservazioni al Piano e quale orientamento voglia prendere in merito ai tanti e delicatissimi aspetti toccati, quali: il riproposto inceneritore di Cà del Bue; il futuro della raccolta differenziata; la politica di gestione dei rifiuti nei prossimi 10 anni.

Contravvenendo al regolamento del Consiglio comunale, l’amministrazione ha inoltre lasciato scadere (da ormai 20 giorni) i termini per la convocazione della commissione consiliare competente richiesta da tutti i consiglieri che hanno anche avanzato la richiesta che ad illustrare il Piano in commissione venga lo stesso assessore regionale Maurizio Conte, o un suo rappresentante. Verona conta tanto poco in Veneto da non riuscire a portare in città un rappresentante della Regione?

Questo comportamento lascia presagire che il Comune di Verona intenda far passare in sordina il decorrere dei termini per la presentazione delle osservazioni evitando il confronto pubblico su temi di primaria rilevanza per la vita dei cittadini, ma imbarazzanti anzi impresentabili per gli attuali amministratori:

– il riproposto inceneritore di Cà del Bue la cui potenzialità di 150 mila tonnellate annue è prevista costante indipendentemente dallo scenario considerato e qualsiasi sia livello di raccolta differenziata raggiunta.
– le modalità indicate dalla Regione per il raggiungimento dell’obbiettivo del 70% di differenziata entro il 2020, a fronte del fatto che nel Comune di Verona la differenziata anziché aumentare è clamorosamente scesa al di sotto della soglia del 50% malgrado il Consiglio comunale avesse votato all’unanimità l’impegno di raggiungere il 65% entro il 2013.
– il futuro delle discariche che, a differenza di quanto vanno affermando sedicenti “tecnici” di Agsm, non sono affatto destinate a scomparire.

Il presidente del Consiglio comunale abbia uno scatto d’orgoglio, convochi la commissione e trovi il modo per fare partecipare il rappresentante della Regione.

La Provincia dice sì alla mozione di Sel contro Ca´ Vecchia

SAN MARTINO BUON ALBERGO

La Provincia dice sì alla mozione di Sel contro Ca´ Vecchia

Il consigliere Campagnari: «Stop in nome della salute dei cittadini»

mercoledì 17 aprile 2013 PROVINCIA, pagina 24

È passata quasi all´unanimità, con 23 voti favorevoli e un astenuto, la mozione presentata in Consiglio provinciale da Giuseppe Campagnari, di Sinistra ecologia e libertà – Federazione della sinistra, nella quale «il Consiglio provinciale, preso atto che già la Commissione Via provinciale si è espressa negativamente sulla nuova attività siderurgica della società Adige Ambiente in località Ca´ Vecchia, esprime parere negativo sul nuovo impianto, per tutelare la salute dei cittadini veronesi e per rispettare concretamente le direttive del Piano per la qualità dell´aria approvato dal Consiglio».
Presentando la mozione Campagnari ha sottolineato l´ottimo lavoro svolto dal Comune di San Giovanni Lupatoto attraverso la società Terra di Treviso, che ha fornito osservazioni stese in modo preciso e puntuale, secondo le direttive dell´Unione Europea, per rilevare i punti negativi del progetto, «tant´è che mi chiedo come un´azienda possa spendere così tanti soldi per far redigere un progetto che crolla di fronte a un primo esame di osservazioni. Si parla di delocalizzazione di impianto esistente quando in realtà è un nuovo impianto che contrasta con il Piano d´area del Quadrante Europa e i Piani di assetto del territorio sia di Verona sia di San Martino Buon Albergo».
Luciano Sterzi ha invitato anche a una valutazione politica del progetto: «Ci fanno diventare il ricettacolo degli scarti di produzioni industriali realizzate altrove». Giuseppe Stoppato (Lega nord) già vicesindaco di San Giovanni Lupatoto ha ringraziato per la presentazione della mozione e ha definito il progetto «una presa in giro, perché non c´è nessuna delocalizzazione di impianto esistente, ma… un nuovo impianto».
Simone Falco, a nome dell´assessore Fabio Venturi che si è dovuto assentare, ha confermato la volontà della Giunta e dell´assessore in particolare, di accogliere in pieno questa mozione.V.Z.

A te non costa nulla ma per noi vale molto!!! Dona a noi il tuo 5 per mille: abbiamo bisogno del tuo contributo: è importante per te e per le persone a cui vuoi bene.

Sostieni i cittadini che si battono per difendere i diritti fondamentali della persona ed in particolare il diritto alla salute e alla conservazione dell’ambiente. Diritti fortemente minacciati da opere, ad esempio, come l’ inceneritore dei rifiuti urbani di Verona….
Il nostro obiettivo è di ampliare e valorizzare il diritto d’informazione, che riteniamo sia alla base del confronto delle idee e dei processi di equilibrio sociale; per questo serve il tuo contributo.

Donaci il tuo 5 per mille: Non ti costa nulla ma ti rende tanto.

Inserisci il codice fiscale dell’ ASSOCIAZIONE SALUTE VERONA – 93226020233 nella tua dichiarazione dei redditi :

Il cinque per mille è una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit per sostenere le loro attività.

I modelli per la dichiarazione dei redditi CUD, 730 e UNICO contengono uno spazio dedicato al cinque per mille, in cui firmare ed indicare il codice fiscale 93226020233.

Grazie

Raccolta firme cittadini osservazioni Cà del Bue – Cà Vecchia

L’associazione Salute Verona invita tutti a partecipare
 
Ci troviamo in un momento particolarmente importante: la Regione Veneto ha pubblicato il nuovo Piano Regionale dei rifiuti.
 
All’interno dello stesso si rimarca LA NECESSITA’ di procedere con  l’ inceneritore di Ca’ del Bue, contrariamente a quanto l’Europa (ed il buon senso) dice.
 
Inoltre nella zona di Ca’ del Bue è stato presentato un altro progetto: un ennesimo enorme impianto di trattamento dei rifiuti, in una zona tutelata dal Piano Area Quadrante Europa (PAQUE).
Soprannominare quella zona di un chilometro quadrato come …’il triangolo maledetto’… è dire poco; inceneritore di Ca’ del Bue, discarica colabrodo di Ca’ Vecchia, nuovo impianto di Ca’ Vecchia !!!
 
Scatta quindi l’ora X:
tramite la vostra partecipazione attiva, al fine di evitare che questi progetti insistano su un territorio già martoriato da mille forme d’inquinamento, vi invitiamo a partecipare a questa PARTICOLARE raccolta firme (allegati), ma sopratutto di farvi promotori ed invitare altri a partecipare perchè è questa l’ora di farci sentire numerosi dai nostri governanti e decisori.
 
I moduli da sottoscrivere sono delle OSSERVAZIONI che verranno presentate agli uffici in indirizzo. Una copia verrà consegnata anche alla giunta regionale accompagnata dagli amministratori dei comuni che sosterranno l’iniziativa.
San Giovanni Lupatoto, Zevio, S.Martino B.A.,Buttapietra e tutti gli altri che vorranno aggiungersi per sostenere l’iniziativa.
 
Stampa i moduli, compilali, falli compilare, spediscili a
 
Il tempo sfugge. Firma subito per la tua salute.

Scarica i moduli cliccando sui link qui sotto:

osservazione ca’vecchia          Osservazioni Cà del Bue